Home Nera
Nera

 

Copertina 

 

 

 

 

 

 

Acquista on-line

Carrello
 
«La cronaca nera sta al delitto, come gli spaghetti western stanno all’epopea del west.»

 

 

La cronaca nera ha, negli ultimi anni, subito così tante modifiche da risultare irriconoscibile.

Basta pigiare su un qualsiasi tasto del telecomando per accorgersene. Tra esperti mescolati a uomini e donne dello spettacolo, politici che non sanno rinunciare alla visibilità mediatica,  inquisiti che si scannano per un’inquadratura, avvocati che fanno la loro arringa in video, si è consolidato ormai un genere che mescola audacemente talk show e reality.

E’ cambiata l’Italia e con essa i mezzi d’informazione, si è modificato il delitto e il modo di narrarlo.

 

Oggi la nera si è fatta veloce, aggressiva e rapace. Vuole restituire certezze al pubblico prima che i noiosi riti del processo penale prendano il sopravvento, si nutre di tecnologie d’avanguardia per svelare in fretta il volto dell’assassino allontanandosi il prima possibile dal dolore carnale. E’ gioco di società, non tragedia.

 

Per capire il presente è necessario armarsi di bisturi e sezionare il delitto osservandone le viscere. Smontare il giocattolo per ricostruire i passaggi che ci hanno portato dove siamo, celebrare i mille aneddoti che accompagnano la storia criminale di questo strano Paese, decifrare i geroglifici della mente assassina e quelli ancor più contorti dell’informazione.